Privacy Policy

Introduzione alle Costellazioni Sistemiche

luglio 18, 2017 · Posted in Articoli 

Le Costellazioni Sistemiche sono una rappresentazione tridimensionale di un sistema, mediante una metodologia scenica e rappresentativa. Tale modalità permette  di approfondire, comprendere e risolvere le dinamiche nascoste, caratteristiche di un dato sistema (familiare, organizzativo, relazionale, valoriale, evolutivo, ecc).

Nelle costellazioni, il sistema oggetto di analisi viene rappresentato attraverso persone (o elementi simbolici) che vengono scelti dal cliente per rappresentare gli elementi del sistema stesso. Nel caso di una costellazione familiare, ad esempio, il cliente sceglierà tra le persone presenti nel gruppo alcuni rappresentanti che “impersonificheranno” i ruoli del sistema su cui si sta lavorando (padre, madre, figli, nonni, ecc.). I rappresentanti verranno disposti dal cliente nello spazio a disposizione, secondo il proprio sentire. Come accade in un sociogramma, la disposizione spaziale e prossemica dei rappresentanti permetterà già in sé di far emergere significati impliciti preziosi che nel corso della costellazione verranno sviluppati, ripresi e osservati. Ma non è tutto. Come vedremo successivamente, entrano in gioco anche altre forze – non visibili – che permettono una lettura approfondita delle dinamiche del sistema.

Tutto può essere considerato un sistema. I sistemi sono il palcoscenico delle nostre vite: la famiglia, nelle sue molteplici sfaccettature, i sistemi scolastici, l’organizzazione (di qualsiasi tipo essa sia), i gruppi amicali, ludici, sportivi, ma non solo. Anche un sogno è un sistema, composto da diversi elementi interconnessi;  un progetto è un sistema composto da obiettivi, risorse, vincoli, stakeholders;  anche un problema è un sistema, composto da uno stato desiderato, uno stato attuale, uno o più ostacoli, delle risorse, un vantaggio nascosto. Tutto ciò che rileviamo fuori e dentro di noi (inclusi gli stati di coscienza) può essere rappresentato come un sistema e, pertanto, può essere “costellato”, ovvero può divenire oggetto di una costellazione finalizzata alla soluzione di qualche problematica come anche al raggiungimento di una nuova conoscenza del tema rappresentato. Ecco la prima caratteristica fondamentale delle costellazioni: l’estrema potenza e versatilità. Gli ambiti di applicazione sono praticamente illimitati e vanno dal livello micro (la dimensione individuale e interiore), a livello meso (il contesto comportamentale relazionale più ristretto), a livello macro (i sistemi allargati di cui siamo parte), a livello mundo (i sistemi sociali, l’eco-sistema). Le costellazioni possono essere impiegate in ognuno di questi livelli, permettendoci di acquisire nuove comprensioni e di elaborare nuove teorie sulle regole che governano la realtà di cui siamo parte.

 

 Cos’è un sistema?

Un sistema è un insieme di elementi, un “tutto integrato”, in cui le singole parti sono interdipendenti e in cui parti proprietà essenziali di ciascuna parte derivano dalle relazioni con le altre parti.

Un sistema è caratterizzato dai seguenti elementi:

‣ Confine permeabile: unisce gli elementi e identifica chi appartiene e chi no

‣ Struttura: definisce i comportamenti degli/tra gli elementi e la funzionalità del sistema nel suo complesso

‣ Elementi: parti interdipendenti che appartengono al sistema e che mediante le loro interazioni lo rendono funzionale

‣ Il vuoto: lo spazio in cui le relazioni e gli scambi tra gli elementi avvengono

‣ Le relazioni: la qualità dell’interdipendenza tra gli elementi e verso gli altri sistemi

‣ Le forze essenziali: Autonomia/Condivisione, Competizione/Cooperazione, differenziazione/integrazione

‣ Auto-poiesi: forza auto-organizzante al fine di perpetuare la sopravvivenza e l’identità del sistema.

Mutuando i principi derivati dallo studio dei sistemi biologici ai sistemi sociali, possiamo evidenziare anche altri aspetti caratteristici dei sistemi:

1. Omeostasi: i sistemi aperti hanno la caratteristica di mantenere un continuo scambio con l’ambiente; tale permeabilità rispetto all’esterno è fondamentale alla vita. Se il sistema non disponesse di un efficace sistema di autoregolazione che ne garantisca la sopravvivenza e il mantenimento della propria identità di base, lo scambio con l’esterno sarebbe vissuto come dannoso e minacciante. Il concetto di omeostasi si riferisce alla capacità di autoregolazione, mediante feedback, al fine di mantenersi in uno stato determinato e relativamente costante.

2. La varietà necessaria: tale principio afferma che il sistema deve interiorizzare un livello di varietà sufficiente; in tal modo, sarà in grado di gestire con successo le sfide che provengono dall’ambiente. Maggiore la diversità interna e maggiora la capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni esterne. L’organizzazione, nell’affrontare situazioni nuove e discontinue rispetto al passato, cerca dapprima al proprio interno le risorse che le potrebbero permettere una trasformazione funzionale all’adattamento.

3. Evoluzione: la capacità di un sistema di evolversi ovvero la capacità di passare da forme più semplici a forme via via più complesse e differenziate, attraverso un processo ciclico di variazione, selezione, integrazione e mantenimento delle caratteristiche selezionate.

Ciò che però caratterizza la metodologia delle Costellazioni Sistemiche e che tanto affascina chiunque si avvicini a questa metodologia è una particolare qualità che si sviluppa spontaneamente nei rappresentanti di una costellazione. Una qualità che chiameremo Percezione Rappresentativa e che è  la capacità di qualsiasi individuo di connettersi a una conoscenza implicita – individuale e collettiva – caratteristica del campo rappresentato. Pare che – attraverso le costellazioni – si attivi un campo di coscienza (knowing field) che il biologo inglese Rupert Shaldrake ha denominato “campo morfogenetico”.

Continua nel prossimo articolo “La mente estesa”

 

 

Comments

Comments are closed.

  • Mission

    Lavoriamo per liberare il potenziale evolutivo e la competitività delle aziende, facilitando lo sviluppo dell’intelligenza collettiva, l’emersione dei talenti e la valorizzazione della bio-diversità umana naturalmente presente in ogni organizzazione.

  • Brochure

    Scarica la nostra brochure.
    Scarica il programma del percorso di formazione T1.
    Per informazioni: info@oneweb.biz

  • Newsletter

    Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere i nostri aggiornamenti

  • English

    Click for the English website >>>
  • Milestone

    «Educare è libertà, il resto è addestrare, ammaestrare, indottrinare" Paolo Crepet

  • novembre: 2017
    L M M G V S D
    « Ott    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930